Giorni migliori ci aspettano — parte 4

Di Peter Amsterdam

Novembre 19, 2021

—Coltivare il benessere mentale ed emotivo

[Better Days Ahead—Part 4—Nurturing Mental and Emotional Well-being]

È meraviglioso sapere che, qualunque cosa succeda nella nostra vita, possiamo confidare in Gesù e concentrarci su di Lui perché dia successo ai nostri progetti e guidi i nostri passi. La Bibbia dice che Dio darò una pace perfetta alla mente che riposa in Lui, perché in Lui confida (vedi Isaia 26,3). “I passi dell’onesto sono guidati dal Signore; egli gradisce le sue vie [e benedice i suoi passi]” (Salmi 37,23 NR).

La seconda parte di questa serie ha preso in esame alcune delle sfide emotive della solitudine, dell’isolamento e della mancanza di speranza, oltre all’impatto emotivo che queste cose hanno avuto sulla nostra vita. Alcuni di voi hanno combattuto la depressione e un senso di disperazione. Quando uno c’è in mezzo, è facile avere la tentazione di chiedersi se riuscirà mai a uscirne. Forse ha la sensazione di vivere una routine. Alla fine la vita quotidiana può cominciare a sembrare solo un tran tran privo di gioia e di un senso di scopo e di nuove possibilità.

A volte questo può avere un impatto sulla salute mentale ed emotiva e può influenzare il modo di affrontare la vita quotidiana. Molte volte questo non è dovuto a debolezza o apatia spirituale, o perché si è fatto qualcosa di sbagliato. Questo tipo di battaglie mentali ed emotive sono il risultato di una vita in un mondo caduto nel peccato e dell’affrontare le molte difficoltà che causano stress, tristezza e mancanza di speranza.

Gesù l’ha spiegato così:

A volte la vita è semplicemente dura — e spesso rimane dura per un po’ di tempo. C’è sempre una via d’uscita dalle difficoltà, se ti rivolgi a Me per avere guida e aiuto, ma potrebbe volerci del tempo prima che Io possa causare ciò ch’è meglio. Anche quando i problemi si trascinano e ti senti mentalmente o emotivamente esausto, rimango al tuo fianco, pronto a rinnovare il tuo spirito e a darti la pazienza e la perseveranza necessarie per andare avanti mentre risolviamo quei problemi insieme.

Non prometto una vita priva di problemi. Non agiterò una bacchetta magica per rimuovere i tuoi problemi e le tue difficoltà, ma posso darti delle risorse sovrumane per consentirti di resistere alle avversità, di attraversare la tempesta a testa alta e, col tempo, di uscirne più forte e meglio equipaggiato per la prossima sfida.

Prima di esaminare alcune strategie pratiche, è importante ricordare che, quando combattiamo problemi emotivi o mentali di qualsiasi tipo, il punto di partenza migliore è cercare il Signore per riceverne guida e conforto, e restare vicini a Lui ogni giorno. Uno dei miei passi biblici preferiti sulla pace di Dio nei nostri cuori e nelle nostre menti è Filippesi 4,4.6-7:

Rallegratevi sempre nel Signore. Ripeto: rallegratevi. Non angustiatevi di nulla, ma in ogni cosa fate conoscere le vostre richieste a Dio in preghiere e suppliche, accompagnate da ringraziamenti. E la pace di Dio, che supera ogni [comprensione], custodirà i vostri cuori e i vostri pensieri in Cristo Gesù (NR).

Quando chiunque di noi ha delle battaglie, è il momento di avvicinarsi al Signore. È Lui che ci dà le risposte in qualsiasi prova ci troviamo. Conosce ogni dettaglio della nostra vita, dei nostri pensieri, dei nostri bisogni e delle nostre battaglie. Avvicinarsi a Lui consente al potere di guarigione dello Spirito Santo di trasformare il nostro umore e le nostre emozioni, e ai frutti dello Spirito di prosperare nella nostra vita. Dobbiamo mettere impegno nell’avvicinarci a Dio e Lui si avvicinerà a noi. (Vedi Giacomo 4,8.)

Possiamo potenziare il nostro cammino con il Signore in molti modi. Diamo una breve occhiata ad alcuni passi positivi che ci aiuteranno ad avvicinarci a Lui.

Leggi la Bibbia e altri articoli devozionali ispiranti ogni giorno. Forse in precedenza avevi già perfezionato la pratica di leggere la Parola di Dio tutti i giorni, ma con le attività frenetiche della vita è facile che quell’abitudine si affievolisca al punto che non succede più ogni giorno e ben presto potrebbe non succedere più tanto spesso. È importante dare priorità al passare tempo con il Signore tutti i giorni, se possibile, leggendo la Bibbia e altre pubblicazioni devozionali e passando tempo in comunione con Lui in preghiera. Questo è un buon punto di partenza per mantenere un senso generale di benessere — emotivo, spirituale e mentale.

Figlio mio, sta’ attento alle mie parole,
inclina l’orecchio ai miei detti;
non si allontanino mai dai tuoi occhi,
conservali in fondo al cuore;
poiché sono vita per quelli che li trovano,
salute per tutto il loro corpo. —Proverbi 4,20-22 NR

Prega e affida pesi e preoccupazioni al Signore. Quando notiamo che stiamo portando un carico di timore, preoccupazione, sensi di colpa, ansia ecc., è importante fermarsi e prenderci il tempo di affidare quei problemi al Signore in modo molto specifico. Poi lasciali a Lui e confida che faccia tutte le cose bene.

Gettando su di lui ogni vostra preoccupazione, perché egli ha cura di voi. —1 Pietro 5,7 NR

Chiedi allo Spirito Santo di operare in te e attraverso di te. Sappiamo che il riempimento dello Spirito Santo ci dà potenza per testimoniare (Atti 1,8); ma ci sono anche ulteriori benefici e benedizioni personali che giungono con lo Spirito e permettono al Signore di trasformare la nostra vita. Poi veniamo benedetti dai frutti dello Spirito: amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mansuetudine, autocontrollo (Galati 5,22-23 NR).

Ricorda a te stesso che la grazia di Dio ti basta. Nella vita ci saranno molte prove e battaglie che non avremo la forza, la saggezza o l’energia di gestire. Siamo esseri umani deboli e imperfetti, ma Dio è onnipotente. È sovrano e la sua grazia ci basta. Come disse l’apostolo Paolo:

Ma egli mi ha detto: «La mia grazia ti basta, perché la mia potenza è portata a compimento nella debolezza». Perciò molto volentieri mi glorierò piuttosto delle mie debolezze, affinché la potenza di Cristo riposi su di me. —2 Corinzi 12,9

Cammina nella volontà di Dio. Possiamo accertarci molto chiaramente della volontà globale del Signore nella nostra vita, mediante la lettura della sua Parola. Può essere incoraggiante vedere le conferme e i segni che il Signore ti dà personalmente mentre svolgi le tue attività quotidiane. Se tieni gli occhi aperti per accorgerti delle piccole carezze affettuose del Signore, delle opportunità, delle conferme della sua presenza e dei suoi interventi nella tua vita, vedrai che il tuo spirito ne sarà incoraggiato e che ne ricaverai speranza.

Ricorda che non sei solo. Affina il tuo senso della costante presenza del Signore. Ricordati che Gesù è sempre con te. Stare da solo per lunghi periodi può influenzare la tua autostima. Potresti cominciare a sentirti dimenticato, che nessuno ti ama o si preoccupa per te. Forse non potrai cambiare molto per quel che riguarda i tuoi rapporti immediati —che si tratti di parenti o amici— ma puoi focalizzarti sull’amore immenso e immutabile di Gesù per te. Lui può riempire ogni vuoto e darti una prospettiva più chiara.

Ecco, io sono con voi tutti i giorni [rimanendo perennemente con te, a prescindere dalle circostanze e in ogni occasione], fino alla fine dell’età presente. —Matteo 28,20

Mantieni un atteggiamento di gratitudine. A volte ci vuole pratica e perseveranza per imparare a essere sempre grati. La gratitudine è potente; è stato dimostrato che migliora la salute fisica, psicologica e mentale, il sonno, l’autostima e altre cose. Elencare verbalmente le tue benedizioni ed esprimere gratitudine nei confronti del Signore può servire a ricordarti le cose belle della vita; è anche un buon esempio per gli altri.

Ci sono anche alcuni passi pratici per contribuire ad alimentare il benessere mentale ed emotivo, come:

Tenere un diario in cui scrivere pensieri, preghiere e le indicazioni o istruzioni che ricevi dal Signore, oltre alle promesse che ti danno forza. Alcuni ritengono che scrivere un diario li aiuti a concentrarsi; inoltre ripassare il tuo cammino con il Signore è ispirante e gratificante.

Chiedere consigli ad altri cristiani degni di fiducia. A volte abbiamo tutti bisogno di qualcuno con cui pregare, di una persona che può offrirci consigli ispirati.

Senza una saggia guida il popolo cade, ma nel gran numero di consiglieri c’è salvezza. —Proverbi 11,14

Raccogliere citazioni ispiranti o motivanti che parlano al tuo cuore. Puoi appenderle a una parete o tenerle nel tuo telefonino o in qualche posto dove le vedi spesso. Abbiamo quasi sempre del tempo per leggere una breve citazione o un paragrafo; sono piene di forza e aiutano a “resettare” il nostro atteggiamento, ricordandoci che c’è speranza, che Dio è buono, che la vita migliorerà e che abbiamo molte benedizioni, nonostante le difficoltà in cui ci troviamo al momento.

Restare connesso con le persone. La solitudine è un fattore importante che influenza il benessere mentale ed emotivo. Un articolo ne dà la seguente spiegazione:

Quando si tratta di salute mentale, la solitudine alimenta vari sintomi. Inasprisce i sintomi di disturbi come la depressione, l’ansia sociale e l’alcolismo. Per quanto possa essere difficile, cerca di prendere l’iniziativa di entrare in contatto con altri. Se ti senti giù, devi veramente importi di farlo, anche se è difficile. Il modo migliore per incontrare altre persone è dedicarti a qualcosa che ti piace. […] Con il tempo la solitudine svanirà.1

Anche se è preferibile incontrarsi a faccia a faccia, quando non è possibile, vedere il viso e udire la voce di qualcuno al telefono o su Skype, FaceTime o Zoom è un’ottima alternativa. Potete lo stesso tenervi aggiornati, pregare insieme, incoraggiarvi e confidarvi gli uni con gli altri.

Se non riesci a trovare il sostegno di cui hai bisogno nella rete di amicizie e contatti che hai al momento, ti gioverebbe cercare altre fonti di amicizia e fratellanza cristiana. Forse potresti unirti a una chiesa, o trovare un altro gruppo di persone che condividono i tuoi interessi, oppure fare volontariato alcune volte alla settimana e creare dei rapporti in quel modo.

È utile passare del tempo con persone che hanno un’influenza positiva su di te, quelle che ti apprezzano e ti stimano, che si preoccupano del tuo benessere. Continua a costruire legami con quelle che ti fanno sentire ottimista, arricchito e stimolato.

Incoraggiatevi a vicenda. Create speranza, così da essere tutti uniti in questo; così che nessuno rimanga escluso. So che lo state già facendo, ma continuate a farlo! —1 Tessalonicesi 5,11 (parafrasato).

Prendersi cura della tua salute. Prendersi cura di sé non è egoismo. Gesù vuole che restiamo sani per essere suoi buoni ambasciatori. Possiamo aumentare il nostro senso di benessere quando facciamo i passi necessari a restare in buona salute, tra i quali: mangiare cibi nutrienti (limitando zuccheri e alimenti trattati), bere acqua quanto basta, fare esercizio fisico a sufficienza e avere un orario regolare che consenta abbastanza sonno (idealmente otto ore per notte).

Sull’argomento del sonno, ho trovato interessanti le seguenti informazioni:

Il sonno è uno degli elementi più importanti nella cura della persona. Influisce sui neurotrasmettitori, sugli ormoni dello stress, sui processi mentali e sulla regolazione emotiva. Una quantità insufficiente può rendere difficile prendere decisioni, risolvere i problemi e controllare le emozioni e il comportamento. In poche parole, tutto sembra peggiore quando non si dorme abbastanza. Ci si può sentire più ansiosi, agitati e depressi. Qualsiasi sintomo si abbia normalmente viene amplificato. Per di più, anche se ci sembra di funzionare bene con poco sonno, non è proprio così. Alcuni studi hanno scoperto che guidare assonnati può compromettere le funzioni al volante tanto quanto la guida da ubriachi, se non di più.2

Mantenersi attivo. Fai del moto e goditi l’aria aperta. Stare in mezzo alla natura, respirare aria fresca, mantenersi in forma, cambiare scenario e trarre beneficio da movimento ed esercizio hanno un’influenza positiva sulla salute emotiva.

Camminare, correre, andare in bicicletta, nuotare, ballare e perfino fare giardinaggio possono contribuire a ridurre i sintomi dell’ansia e della depressione. Cerca di non considerarlo esercizio, ma movimento. […] La combinazione di aria fresca e movimento aiuterà il corpo e la mente.3

Offrirsi volontario, dare agli altri. Gesti di bontà e generosità fanno meraviglie per il benessere mentale ed emotivo. Fare volontariato può creare rapporti d’amicizia con gli altri quando ci si riunisce per una causa in comune.

La persona generosa si arricchirà e chi annaffia sarà egli pure annaffiato. —Proverbi 11,25

La partecipazione alla vita sociale e comunitaria ha attirato molta attenzione nel campo della ricerca sul benessere. Le persone che parlano di un maggior interesse nell’aiutare gli altri sono più portate a ritenersi felici.4

Concentrarsi sul momento. Fare mente locale, essere consapevoli di chi ti sta intorno e delle tue circostanze, contribuisce a evitare ai pensieri di vagare nel passato o preoccuparsi del futuro. Non possiamo cambiare il passato e non possiamo controllare il futuro (Giacomo 4,13-14). Il presente è ciò che abbiamo e per cui il Signore ci dà forza (Matteo 6,34), così approfittiamone al massimo, prestando piena attenzione alle esigenze di oggi e alle cose buone intorno a noi.

Alcuni studi hanno indicato che essere consapevoli di ciò che succede nel presente aumenta direttamente il benessere, e che assaporare “l’attimo” può contribuire a riaffermare le priorità della vita.5

Che magnifica base di speranza e fiducia abbiamo, quando riflettiamo in preghiera su queste tre cose: l’amore del Padre, il [sacrificio] del Figlio e la potenza dello Spirito. —Thomas Manton (1620–1677)

Facciamo quindi uno sforzo per ricordare che il nostro metodo più importante per il benessere spirituale, mentale ed emotivo è leggere la Parola di Dio e vivere basandoci su di essa, cercando la sua presenza in preghiera e meditazione, oltre a essere ripieni dello Spirito Santo. Così facendo, possiamo avere fiducia che adempirà le sue promesse di prendersi cura di noi e condurci oltre le valli verso la luce di giorni più radiosi.


1 https://silverhillhospital.org/community/blog-post/7-elements-of-self-care/

2 https://silverhillhospital.org/community/blog-post/7-elements-of-self-care/

3 https://silverhillhospital.org/community/blog-post/7-elements-of-self-care/

4 https://www.mind.org.uk/workplace/mental-health-at-work/taking-care-of-yourself/five-ways-to-wellbeing/

5 https://www.mind.org.uk/workplace/mental-health-at-work/taking-care-of-yourself/five-ways-to-wellbeing/


Pubblicato originariamente in inglese il 9 novembre 2021.

Copyright © 2023 The Family International. Tutela della privacy Utilizzo dei cookie